Le chiese

Basilica di San Colombano

Santuario Madonna dell'aiuto - foto © Enrico MingardoMonastero e chiesa San Francesco - foto © Enrico MingardoPorticato abbazia San Colombano - foto © Enrico MingardoChiesa San Lorenzo - foto © Enrico MingardoIl Duomo - foto © Enrico MingardoAbbazia San Colombano - foto © Enrico Mingardo

La costruzione del Monastero di San Colombano incominciò nel 613 intorno al primo nucleo della basilica di San Pietro. ?La Basilica nonostante la semplicità degli elementi decorativi ha una struttura grandiosa che esprime l’architettura di transizione tra il periodo gotico e il rinascimento. La composizione pittorica della navata centrale è opera di Bernardino Lanzani e databile al 1526-30.
Due rampe di scale situate ai lati della cappella maggiore permettono l’accesso alla cripta. Qui dietro un’inferriata è visibile un pregevole mosaico della prima metà del XII secolo .
Entrando nella cripta sulla destra troviamo una bella cancellata in ferro che in origine racchiudeva il coro monastico per impedire che la preghiera dei monaci fosse disturbata da occhi profani. Al centro della cripta è custodito il sarcofago di San Colombano e sulle pareti a lato due transenne longobarde usate per i sepolcri di san Attala e san Bertulfo ,rispettivamente secondo e terzo abate di Bobbio.

Il Duomo

Edificato nell’ XI secolo, presenta una decorazione moderna nelle tre navate e una settecentesca nel presbiterio e nella cupola del transetto. Nella cappella di San Giovanni, cui si accede dal transetto di destra, si può ammirare uno stupendo affresco della seconda metà del quattrocento, raffigurante l’Annunciazione. ??La primitiva struttura risale al 1075 ma la facciata come la vediamo oggi fu modificata nel 1463. Le due maestose torri sono originali solo nella loro parte inferiore. Quella di destra fu modificata nel 1532 dal Comune che vi costruì la cella campanaria ed inoltre ottenne dal Vescovo il permesso di collocarvi l’orologio. Quella di sinistra era la vera torre campanaria
Le pitture del corpo della chiesa risalgono alla fine del secolo scorso e sono opera di Luigi Morgari mentre la pesante decorazione di gusto bizantino è stata realizzata da Aristide Secchi nel 1896. Splendida l’Annunciazione del XV sec. ritrovata nel 1980 nella cappella di San Giovanni durante alcuni lavori di restauro.

San Lorenzo

La prima notizia relativa alla chiesa di S. Lorenzo risale al 1144, ma è ignoto il costruttore e lo scopo dElla sua costruzione. ?Verso la fine del XIII secolo la chiesa è amministrata da una Confraternita laicale detta dei «Battuti » o Disciplinati: inizialmente essa dipendeva dal Monastero di S. Colombano e dopo il 1448 passò sotto la direzione del vescovo?La primitiva chiesa si può ancora in parte vedere sul lato sinistro dell’attuale facciata. Essa fu abbandonata nel 1609, in seguito venne ampliata e consacrata nel 1694, dopo aver abbattuto gran parte della precedente costruzione.?La torre campanaria subì alterazioni verso il 1779, conservando alcuni elementi originari. L’interno è a una sola navata: il coro ligneo appartiene al XVII secolo.?Sul muro esterno del lato destro vi sono due lapidi, provenienti dall’antica chiesa: una riporta una piccola croce (cm. 27 x 21) con le estremità a coda di rondine; l’altra reca la seguente iscrizione:

+ MCCLXXXX
+ OBERTUS DE SIGNORINO FECIT
HANC CRUCEM FIERI

Santuario Della Madonna Dell’aiuto

Fuori Porta Nova si erge il seicentesco Santuario della Madonna dell’Aiuto, costruito, si dice, per custodire un’immagine della Madonna ritenuta miracolosa. L’edificio si presenta ad una sola navata con cappelle laterali sui due fianchi., gli affreschi che la decorano risalgono al 1912 mentre nelle cappelle laterali del transetto vi sono due opere di Salvatore Pozzo realizzate nel XVII secolo.